Graduatoria definitiva selezione Zero Robotics

In allegato la graduatoria definitiva della selezione Zero Roborics 2015/16.

Allegati:
FileDescrizionedata
Scarica questo file (Graduatoria.pdf)downloadGraduatoria23/05/2016

Torneo Zerorobotics

Il Verona Trento arriva TERZO nella classifica mondiale per le finali del torneo internazionale!

Dopo mesi di intenso lavoro, anche quest’anno, la squadra Wall-E 3.0 dell’I.I.S. Verona Trento arriva in finale classificandosi terza nella graduatoria mondiale. Gli italiani sono presenti in svariate alleanze finaliste ma i nostri ragazzi si classificano prima di tutti gli altri istituti Industriali del territorio nazionale. Le squadre partecipanti sono più di cento e provengono, oltre che dagli Stati Uniti, dall’Europa (Italia, Francia, Spagna, Germania, Inghilterra, Grecia, Romania, Irlanda, Portogallo, Polonia, Repubblica Ceca, Danimarca, Belgio), dalla Russia, dal Messico e dall’Australia.

La gara quest’anno si chiama SpySpheres e, il software che i nostri giovani programmatori produrranno nelle prossime settimane, sposterà nello spazio, in assenza assoluta di gravità, i micro satelliti spaziali prodotti dalla NASA( National Aeronautics and Space Administration) denominati SPHERES (Synchronized Position Hold, Engage, Reorient, Experimental Satellites) . Con il team leader Davide Ventaglio si sono mossi, dapprima incerti, ma poi sempre più competitivi, Davide Segullo, Vittorio Gatto, Manuel Fleri, Alessio Donato, Maurizio Raneri, Giuseppe Venuto, Emanuel Sorrenti, Francesco Santoro, Davide Dell’Acqua.

Gli alunni messinesi, come tutti quelli delle scuole che hanno guadagnato l'accesso alla finale, accompagnati dai loro mentor, prof.ssa Eliana Bottari e prof. Giovanni Rizzo, potranno assistere agli incontri della finale grazie ad un collegamento in diretta tra MIT (Massachusetts Institute of Technology) (Boston) e ISS (Stazione Spaziale Internazionale) .

 

Leggi tutto: Torneo...

ZEROROBOTICS

Nuove soddisfazioni per il Verona Trento

al campionato internazionale ZEROROBOTICS  2015-16

Anche per questa edizione del torneo Zero Robotics, competizione internazionale di programmazione di robotica aerospaziale, che si basa sulla programmazione di speciali robot denominati SPHERES, ovvero satelliti artificiali simil-sferici (in realtà a 18 facce), realizzati dal MIT e situati all'interno della Stazione Spaziale Internazionale, l’I.I.S. Verona Trento entra in semifinale.

La squadra nuova di zecca, ad eccezione del team leader che è alla sua seconda esperienza, Wall-E 3.0,  non delude le prime aspettative: dopo aver superato, durante i caldi mesi estivi,  la selezione italiana entrando nel campionato internazionale, si classifica anche nelle due fasi successive in 2D e 3D.

Nella serata di sabato 7 Novembre, nei locali dell’Istituto , il team Wall-E ha preso parte alla videoconferenza internazionale coordinata dal MIT nell'evento della creazione delle alleanze in cui 84 squadre di vari paesi (Stati Uniti, Europa, Russia , Australia e Messico) hanno formato 28 alleanze.

Le due squadre che collaboreranno con il team Wall-E 3.0 degli allievi dell'I.I.S. Verona-Trento sono Team Kuhlschrank (New Jersey United States) e  Haverhill Robotics( Massachussets United States).

Il team è composto da: Davide Ventaglio, Davide Dell’acqua, Alessio Donato, Manuel Fleri ,Vittorio Gatto, Maurizio Raneri, Francesco Santoro, Davide Segullo, Emanuel Sorrenti, Giuseppe Venuto.

Il coordinamento dei lavori è affidato alla prof.ssa Eliana Bottari e al prof. Giovanni Rizzo.

Se il gruppo di ragazzi messinesi riesce a superare questa fase, volerà in finale, portando per il terzo anno consecutivo il nome di Messina nel mondo.

Il team di allievi è stato formato dopo una selezione scolastica su nozioni di programmazione per l'utilizzo degli SPHERES e di inglese.

 

Selezione Zerorobotics 2015-2016

In allegato la classifica della selezione scolastica di zerorobotics

Allegati:
FileDescrizionedata
Scarica questo file (CLASSIFICA SELEZIONE SCOLASTICA.pdf)download  

Anche quest'anno il “Verona Trento” in gara contro il resto del mondo!

La squadra Wall-E, formata da 10 alunni delle classi quarte e quinte di indirizzo Informatica dell’ Istituto, anche quest'anno è in gara nella nuova edizione di Zero Robotics, competizione internazionale di programmazione di robotica aerospaziale, che si basa sulla programmazione di speciali robot denominati SPHERES, ovvero satelliti artificiali simil-sferici (in realtà a 18 facce), realizzati dal MIT e situati all'interno della Stazione Spaziale Internazionale.

Il team di allievi è stato formato dopo una selezione scolastica su nozioni di programmazione per l'utilizzo degli SPHERES e di inglese.

La squadra, che nell'edizione della gara di programmazione di satelliti spaziali "Zero Robotics” 2013/2014 si è classificata al 2° posto della graduatoria della semifinale mondiale, quest’anno è composta da: Giorgio Nocera, Pietro La Spada, Salvatore Doddis, Giovanni Lonia, Christian Neto, Alessio Iannello, Omar Shatani, Mattia Alfonso, Francesco Castorina e Davide Ventaglio, ed è coordinata dai professori Eliana Bottari e Giovanni Rizzo.

Ogni anno ovviamente la competizione cambia e il compito da far svolgere agli SPHERES è diverso; la gara 2014/2015 prende il nome di CoronaSpheres.

I satelliti si muoveranno nello spazio grazie alle stringhe di codice scritte interamente dagli alunni stessi con l'aiuto dei due Mentor.

Ogni satellite viene governato da una squadra e dovrà disputare diversi match ogni giorno per un mese circa ottenendo più o meno punti in classifica.

 Ogni match viene giocato da due satelliti che devono, partendo dalla rispettiva posizione iniziale, scattare più foto possibili ai punti di interesse che casualmente si formeranno sull’area visibile dell'asteroide che si trova al centro della zona di gioco; agli angoli opposti ai satelliti si trovano dei pacchetti di upgrade memoria che consentiranno, una volta raccolti, di scattare un maggior numero di foto. Se questo non avverrà ogni SPHERES potrà contenere nella sua memoria al massimo due foto che dovranno essere caricate prima che vengano danneggiate da bagliori solari che si verificheranno una volta ogni 70 secondi dopo i primi 30 dall'inizio della partita.

Se non verranno prese le giuste precauzioni questi bagliori, oltre che danneggiare le foto, potranno arrecare danni al satellite. Lo SPHERES però potrà rifugiarsi dietro l'asteroide posizionandosi nella zona di ombra in cui sarà totalmente al sicuro. In base ai punti perduti causati dall'esposizione ai bagliori solari e ai punti acquisiti con lo scatto e il caricamento delle foto si avrà il punteggio finale e lo SPHERES con il punteggio più alto vincerà la partita.

Il team Wall-E 2.0 ha già superato la competizione nazionale, che si è svolta nel periodo tra giugno e luglio, una selezione di 25 squadre sulle 36 totali che potranno scontrarsi contro tutto il resto del mondo. La seconda fase è quella 2D, anch'essa già superata facilmente dal team. Il gioco però si fa duro: dopo quest'ultima la squadra dovrà cimentarsi nella fase 3D, attualmente in corso, che stabilirà, sulla base di una classifica internazionale chi potrà passare alla fase successiva in cui si verranno a formare alleanze fra tre scuole di diversa nazionalità che lavoreranno insieme per arrivare all'ultima competizione, il torneo a bordo della Stazione Spaziale Internazionale che decreterà il vincitore ufficiale del torneo Zero Robotics 2014/2015.

Zero robotics

Zero Robotics: il Verona Trento arriva in finale

Al secondo posto nella classifica mondiale

Il torneo Zero Robotics organizzato dal MIT (Istituto di tecnologia del Massachussets), dall'ESA (Agenzia Spaziale Europea) e dal Politecnico di Torino continua. Trenta le alleanze europee e statunitensi , costituite da tre squadre ciascuna, che si sono confrontate nei numerosi matches conclusisi nella notte tra l’uno e il due dicembre. Nella classifica intercontinentale, l’alleanza Crab-Androids-Wall-e, dei team dell’ IIS Verona Trento , del Liceo Cecioni di Livorno e dell’RSG Broklede Olanda, si è piazzata al secondo posto.

La squadra Wall-e del Verona Trento, costituita da dieci alunni delle classi quarte della specializzazione informatica e capitanata dalla professoressa Eliana Bottari e dal professore Giovanni Rizzo, insieme alle squadre dell’alleanza, ha prodotto il programma in linguaggio C++ per governare i micro satelliti spaziali SPHERES nell’ambiente simulato . Durante le finali, che si svolgeranno il 17 gennaio nella sede ESTEC (European Space Research and Technology Centre) dell’Ente Spaziale Europeo a Noordwijk (Olanda), le alleanze potranno vedere in diretta il loro software governare gli SPHERES reali nella stazione spaziale internazionale (IIS).

Il torneo internazionale ha avuto una considerevole partecipazione di scuole italiane con eccellenti piazzamenti nella classifica delle semifinaliste: ben tre alleanze italo-europee nei primi quattro posti. Solo le prime sei alleanze sulle dodici selezionate arrivano in finale con 11 scuole italiane su 18.

Iniziando alla fine di maggio, le squadre hanno affrontato varie fasi di difficoltà crescente: prima in 2D, poi in 3D fino alle semifinali in alleanza che hanno permesso agli studenti di collaborare e confrontarsi con colleghi di scuole e nazionalità diverse.


Nella foto gli alunni della squadra da sinistra: Giovanni Lonia, Mattia Alfonso, Christian Neto, Francesco Bonanno, Alessio Iannello, Francesco Castorina, Pietro La Spada, Lorran Pino, Prof. Giovanni Rizzo (mentor), Salvatore Doddis, Prof.ssa Eliana Bottari (mentor), Giorgio Nocera.


Manuali

Allegati:
FileDescrizionedata
Scarica questo file (ZR_user_API.pdf)downloadZR user API 
Scarica questo file (zero robotics slide.pdf)downloadSlide 
Scarica questo file (Square.pdf)downloadSquare 
Scarica questo file (Rotate.pdf)downloadRotate 
Scarica questo file (Pointing.pdf)downloadPointing 
Scarica questo file (Move.pdf)downloadMove 
Scarica questo file (API.pdf)downloadAPI 

Informazioni aggiuntive

Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori, ed il resto © 2014 - Istituto d'Istruzione Superiore "Verona-Trento" Messina